Google Pay reinventato come app per soldi all-in-one

Google Pay, l’ampia opzione di pagamento mobile di Google, è in circolazione da un po’ di tempo. Ma oggi, sta assistendo a una grande reimmaginazione.

Google ha annunciato oggi la rielaborazione di Google Pay. Sta andando oltre i suoi limiti e accogliendo tutte le nuove funzionalità. Inoltre, sta subendo un’importante revisione nel reparto look sia su Android che su iOS. Il rilancio dell’app Google Pay sta iniziando prima negli Stati Uniti e Google afferma che è progettato attorno alle “relazioni con le persone e le aziende”.

Questa app farà un bel po’ di lavoro pesante quando si tratta di cose finanziarie. Sì, potrai ancora effettuare pagamenti contactless con le tue carte salvate e potrai comunque inviare denaro ad amici e familiari con trasferimenti peer-to-peer. Ma la nuova app Google Pay consentirà anche alle persone di vedere informazioni sul modo in cui spendono denaro e li aiuterà anche a risparmiare denaro. Dispone inoltre di “più livelli di sicurezza” per aiutare a mantenere i tuoi fondi al sicuro.

Una nuova interfaccia utente

La parte interessante arriva nella nuova interfaccia utente per l’app e nel modo in cui le persone vedono le interazioni con le aziende e le persone. È tutto intorno a “conversazioni”. Puoi vedere come appare nelle immagini qui sotto.

Invece di mostrare una pila di carte o un lungo elenco di transazioni, la nuova app Google Pay si concentra sugli amici e sulle aziende con cui effettui transazioni più frequentemente. Puoi pagare, vedere le transazioni passate e trovare offerte e informazioni sulla fedeltà, il tutto organizzato in base alle conversazioni.

Se devi dividere la cena, l’affitto o altre spese con più di una persona, puoi creare un gruppo, dividere il conto e tenere traccia di chi ha pagato in un unico posto. Google Pay ti aiuterà persino a fare i conti su chi deve cosa.

Puoi anche utilizzare Google Pay per ordinare cibo in oltre 100.000 ristoranti, acquistare benzina in oltre 30.000 stazioni di servizio e pagare il parcheggio in oltre 400 città, tutto dall’interno dell’app e presto saranno disponibili altri modi più semplici per pagare.

Salvataggio

Anche il risparmio di denaro fa parte del nuovo sforzo. Ciò si presenta sotto forma di riscatto delle offerte disponibili da aziende assortite. Google Pay gestirà l’applicazione di eventuali sconti ai luoghi in cui fai acquisti, quindi non devi preoccuparti di applicare codici coupon o cose del genere. Marchi come Burger King, REI Co-Cop, Target, Warby Parker, Etsy e altri saranno disponibili tra cui scegliere direttamente dall’app. E quando effettui il check-out utilizzando Google Pay, lo sconto verrà applicato automaticamente. Questo è disponibile per gli acquisti in negozio e per l’utilizzo del servizio online.

Ma va oltre:

Se scegli di collegare il tuo conto bancario o le tue carte a Google Pay, l’app fornirà riepiloghi periodici della spesa e mostrerà le tue tendenze e informazioni nel tempo, offrendoti una visione più chiara delle tue finanze.

Google Pay può anche comprendere e organizzare automaticamente le tue spese. Ciò ti consente di cercare tra le tue transazioni in nuovi modi. Ad esempio, puoi cercare “cibo”, “mese scorso” o “ristoranti messicani” e Google Pay troverà immediatamente le transazioni pertinenti.

Privacy

Naturalmente, assicurarsi che i propri fondi siano al sicuro e protetti è importante. Il servizio utilizza la “sicurezza avanzata” e ti farà anche sapere quando crede che potresti pagare uno sconosciuto. Gli utenti potranno anche scegliere tra un’ampia gamma di impostazioni sulla privacy, per qualunque cosa si adatti maggiormente alle loro esigenze.

E quando ti registri a Google Pay, scegli se desideri utilizzare la cronologia delle transazioni per personalizzare la tua esperienza all’interno dell’app. Questa impostazione è disattivata per impostazione predefinita, ma puoi attivarla o provarla per tre mesi per vedere se ti piace. Alla fine dei tre mesi puoi decidere se tenerlo acceso o spento.

Google afferma che anche Google Pay non venderà mai i dati di un utente a terze parti.

Ma aspetta, c’è Plex

Plex è la prima iniziativa bancaria online di Google. La società sta lavorando con una varietà di istituti finanziari per renderlo operativo nel 2021. Sarà integrato direttamente in Google Pay e gli account saranno offerti da banche e cooperative di credito. Non ci saranno spese di scoperto, nessun canone mensile e nessun requisito di saldo minimo.

Ci saranno 11 banche che parteciperanno con Google fin dall’inizio:

  • città
  • Stanford Federal Credit Union
  • SEFCU
  • Seattle Bank
  • La riva del porto del Maryland
  • BancaMobile
  • BMO
  • Prima Banca Indipendente
  • Punto Verde
  • BBVA
  • Banca della Comunità Costiera

Come accennato in precedenza, questo nuovo sforzo bancario verrà lanciato nel 2021.

Nel frattempo, la nuova app Google Pay è disponibile a partire da oggi sia per Android che per iOS.

Cosa ne pensi del nuovo Google Pay? Pensi che questa sia una direzione che Apple dovrebbe prendere Apple Pay in futuro?

Lascia un commento