Come eseguire qualsiasi app per iPhone su Mac M1

App per iPhone Apple Silicon Mac - immagine eroe

Ora che i dispositivi iOS e i Mac M1 sono alimentati dalla stessa architettura CPU, è ora possibile eseguire quasi tutte le app per iPhone o iPad sul tuo Apple Silicon Mac. Quello che non puoi fare, tuttavia, è installare app iOS che non sono disponibili sul Mac App Store sui computer M1.

Perché utilizzare le app iOS sui Mac M1?

Le tue app iOS possono ora essere eseguite direttamente sui dispositivi Mac alimentati dal nuovo chip M1 dell’azienda, cosa che nessun Mac ha mai fatto prima. Avvia semplicemente il Mac App Store sul tuo Mac M1, premi la barra di ricerca nell’angolo in alto a sinistra e cerca un’app. I risultati verranno impostati per impostazione predefinita sulle app per Mac, ma puoi fare clic sul filtro “App per iPhone e iPad” per visualizzare i risultati in quella categoria.

App per iPhone Mac Apple Silicon - Among Us e Netflix in esecuzione su un Mac M1L’app per iOS Netflix e il gioco Among Us in esecuzione su un Apple Silicon Mac

Non tutte le app iOS si sentono a proprio agio sui Mac Apple Silicon, ma Apple ha fornito questa funzionalità per comodità a coloro che desiderano eseguire app iOS che non sono state trasferite sul Mac, come Dark Sky. E se non ti piacciono le app Electron che sembrano fuori posto, come Slack, le loro controparti per iPhone e iPad potrebbero effettivamente funzionare meglio sul tuo Mac con alimentazione M1.

App per iPhone Apple Silicon MacApple ha introdotto i primi computer Mac con alimentazione M1 a novembre 2020

Inoltre, puoi persino eseguire app iOS native che non sono disponibili su macOS, come Netflix, Instagram e Gmail, ad esempio. Finché uno sviluppatore ha contrassegnato la propria app iOS in modo che appaia anche nel Mac App Store e l’hai acquistata in precedenza sul tuo iPhone e iPad, puoi scaricarla nuovamente sul tuo Mac con M1 senza costi aggiuntivi.

App per iPhone Apple Silicon Mac

Ma che dire delle app iOS che non sono disponibili sul Mac App Store?

iMazing e file IPA

A quanto pare, macOS Big Sur esegue app iOS su Mac basati su M1 dallo stesso file IPA (iOS App Store Package) scaricato dal tuo iPhone o iPad dall’App Store. Un file .ipa è un archivio che memorizza il file binario di un’app insieme ad altre risorse (puoi vedere cosa c’è dentro un file .ipa salvandolo sul tuo Mac, cambiando la sua estensione in .zip e decomprimendo).

→ Come convertire le immagini HEIF in JPEG con iMazing

I file IPA venivano archiviati in un backup di iTunes non crittografato quando sincronizzavamo i nostri dispositivi iOS con iTunes, ma non è più così. Per fortuna, puoi utilizzare la fantastica app iMazing per scaricare app installate sul tuo dispositivo iOS direttamente dall’App Store.

Una dichiarazione di iMazing

Secondo il CEO DigiDNA della società madre di iMazing, Gregorio Zanon, questo non è qualcosa che hanno messo insieme per hackerare deliberatamente il sistema di Apple. È una caratteristica legittima di iMazing, che racchiude dozzine di altre funzionalità che alimentano i flussi di lavoro di backup e gestione di iOS.

App per iPhone Apple Silicon MaciMazing ti consente di scaricare il file .ipa di un’app iOS sul tuo Mac

Ecco cosa ha detto un rappresentante di iMazing a The Verge sulla questione:

La gestione delle app è disponibile in iMazing da novembre 2017. Non abbiamo apportato particolari modifiche per garantire che le app iOS esportate dalla libreria di iMazing funzionassero su Apple Silicon Mac. Si scopre che quando gli sviluppatori scelgono se includere o meno la loro app mobile sul Mac App Store, non viene apportata alcuna modifica all’app stessa: l’impostazione è puramente un interruttore di distribuzione.

Centinaia di migliaia di utenti iMazing dipendono dalla nostra gestione delle app per risparmiare larghezza di banda. Scaricare un IPA solo una volta e installarlo più volte consente di risparmiare tempo ed energia ed è ecologico. Comprendiamo che gli sviluppatori desiderano controllare su quali piattaforme vengono eseguite le loro app. Speriamo anche che Apple possa trovare un modo per limitare quale sistema operativo può eseguire un IPA specifico senza rimuovere del tutto la nostra capacità di scaricare app.

Segui il nostro breve tutorial incorporato più avanti che ti mostra come eseguire app iOS che non sono disponibili sul Mac App Store sul tuo Mac Apple Silicon M1.

Come eseguire qualsiasi app iOS su un Mac M1

Per eseguire qualsiasi app iOS sul tuo Mac M1, comprese quelle che non sono disponibili sul Mac App Store, scaricherai il relativo file .ipa dall’App Store con iMazing per Mac, quindi potrai utilizzarle.

  1. Collega il tuo iPhone o iPad al tuo Mac con iMazing in esecuzione.
  2. Seleziona il tuo dispositivo iOS connesso nella colonna di sinistra di iMazing.
  3. Fai clic sull’icona “App” nella finestra di iMazing per il dispositivo iOS che hai appena collegato.
  4. Fare clic sull’opzione “Gestisci app” nell’area delle schede nella parte inferiore dello schermo.
  5. Scegli l’opzione “Libreria” nella schermata Gestisci app
  6. Fai clic sull’icona del cloud accanto all’app iOS che desideri eseguire su questo Mac per scaricarla.
  7. Fai clic con il pulsante destro del mouse sull’app scaricata nell’elenco, quindi scegli l’opzione “Esporta IPA”.

Ora puoi aprire il file .ipa appena scaricato per installarlo ed eseguirlo sul tuo Mac con alimentazione M1. In questo modo installerai l’app nella cartella Applicazioni come qualsiasi altra app macOS. Tieni presente che il tuo Mac e iPhone/iPad devono utilizzare lo stesso ID Apple affinché funzioni.

App per iPhone Mac Apple Silicon - esportazione .ipa in iMazingEsportare il file .ipa di Instagram per iPhone sul mio Mac con iMazing

L’esecuzione di app ottimizzate per il tocco in un ambiente che non è stato ottimizzato per l’input tattile può causare vari singhiozzi lungo il percorso. Molte di queste app basate sul tocco richiedono il sistema “Touch Alternatives” di Apple per funzionare correttamente sul Mac quando si utilizzano mouse e tastiera.

App per iPhone Apple Silicon Mac - finestra di dialogo alternative touch

E questo è tutto!

La mancia va al redditor “probablyamy”, che è il primo a scoprire questo metodo

Lascia un commento